Uber nella bufera per un incidente mortale causato da auto a guida autonoma

guida autonoma

La compagnia ha sospeso negli Usa i test con le auto in modalità guida autonoma dopo l’investimento di una donna.

Uber sospende i test delle auto autonome in tutte le città dove sono in corso questi esperimenti. Lo stop è legato ad un indicente mortale a Tempe, in Arizona, dove una donna è stata investita mortalmente. L’auto di Uber era in modalità autonoma, con un guidatore reale come misura di sicurezza, quando la donna è stata colpita mentre attraversava.

“Stiamo collaborando fianco a fianco con le autorità locali nell’ambito dell’indagine su questo incidente”, annuncia in un tweet Dara Khosrowshahi, ceo di Uber. “Vogliamo esprimere tutta la nostra vicinanza – ha aggiunto la manager – alla famiglia della vittima”.

Per il programma di auto autonome di Uber si tratta di un ennesimo colpo, dopo l’azione legale avviata da Waymo sul presunto furto di segreti commerciali. Ma è un duro colpo anche per il settore delle auto autonome in generale. Il governo federale ha infatti emanato solo linee guida volontarie per le società che vogliano testare auto senza guidatore, lasciando ampio margine di manovra ai singoli Stati e aprendo una corsa alle regole: solo nel 2017 sono stati ben 33 gli Stati Usa che hanno introdotto norme per la vetture autonome.

Articoli correlati

Un Commento

  1. Pingback: Torino: le auto a guida autonoma sbarcano per la prima volta in Italia

*

Top