L’Istituto superiore di sanità smentisce alcune false credenze alimentari

istituto superiore di sanità

Sono vere e proprie fake news sul cibo quelle che girano per il web, prontamente confutate dagli esperti dell’Iss (Istituto superiore di sanità).

“Hai bisogno di ferro? Mangia tanti spinaci”, “l’ananas fa dimagrire”, “lo zucchero di canna fa meno male di quello bianco”. Sono tutte false credenze, alcune anche piuttosto antiche, ma che il web aiuta a diffondere e amplificare. A mettere in guardia sulle tante informazioni fasulle che riguardano diete e cibo sono gli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità che, alle fake news sull’alimentazione, hanno dedicato un’intera sezione sul portale online ISSalute.it.

Lo hanno fatto a cominciare dalle presunte proprietà di alcuni cibi. La regina delle bufale sull’alimentazione è che lo zucchero di canna sia meno nocivo di quello bianco: “Entrambi contengono esattamente la stessa molecola, il saccarosio, per cui sono equivalenti”. Che la pasta faccia ingrassare e l’ananas dimagrire è una falsa verità che si tramanda da generazioni. Ma, al contrario, “non esistono alimenti buoni né cattivi: tutti vanno inseriti, nelle giuste proporzioni, nell’ambito di una dieta sana e varia”. Quanto agli spinaci tanto amati da Braccio di Ferro, la letteratura scientifica ci dice che il ferro che contengono ci è molto poco utile perché, diversamente da quello presente nella carne, è poco assimilabile dal nostro organismo.

Ma le fake news riguardano anche teorie più generali sulla salute. E’ falso, ad esempio, che non ci si debba preoccupare dell’obesità infantile perché “passa con lo sviluppo”. “Un bambino obeso – scrive l’Iss – ha un altissimo rischio di diventare un adulto obeso: tale rischio aumenta con l’età ed è proporzionale all’entità dell’eccesso di peso”.

Articoli correlati

*

Top