Colori fuorvianti, per penne di insulina che si confondono tra loro

insulina

Ema ed Aifa hanno riscontrato un problema sulla colorazione delle confezioni di insulina che indurrebbero i pazienti in errore.

Entrambe contengono insulina e la loro confezione ha un colore simile, e per questa ambiguità sono stati indotti in errore molti pazienti diabetici che le hanno scambiate. Si tratta delle cartucce, penne pre-riempite e flaconcini dell’insulina ad azione rapida Fiasp (di colore giallo), e quelle dell’insulina ad azione prolungata Tresiba (di colore verde chiaro, molto simile al giallo delle prime).

Da qui la sensata decisione di cambiare il colore delle prime da giallo a rosso e giallo, come suggerito dall’Agenzia Europea dei Farmaci (European Medicines Agency – Ema) e quella italiana del farmaco (Aifa).

Fiasp è un medicinale finalizzato al trattamento di adulti con diabete e contiene un’insulina ad azione rapida chiamata insulina aspart, disponibile in flaconcini, cartucce o penne pre-riempite. Solitamente viene assunta per iniezione sottocutanea e usata in combinazione con un’insulina ad azione intermedia o prolungata, che invece viene assunta una volta al giorno, come appunto Tresiba.

Ma il colore simile delle loro confezioni ha indotto in un errore che poteva tramutarsi anche in qualcosa di molto pericoloso molti pazienti. “Tali mescolamenti, dovuti al colore simile dei prodotti specialmente in condizioni di scarsa illuminazione – spiega l’Aifa sul suo sito – possono causare ipo o iperglicemia, che possono portare a gravi problemi di salute. Prima di ogni iniezione è dunque importante controllare il nome del medicinale”. E nel caso di confusione tra le iniezioni, l’invito è di contattare immediatamente il medico.

Articoli correlati

*

Top