Emicrania, ecco perché le donne ne soffrono più degli uomini

emicrania

La colpa sarebbe degli estrogeni, responsabili anche della minore reattività alle cure contro l’emicrania.

E’ risaputo che le donne, rispetto agli uomini, sono soggette ad emicranie più frequenti e gravi e non rispondono ai trattamenti farmacologici. Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università dell’Arizona e presentato al meeting annuale dell’American Society for Biochemistry and Molecular Biology ha definito un’ipotesi per dare una spiegazione a tale fenomeno, puntando sul ruolo dello scambiatore di protoni di sodio (NHE1) che regola il trasporto di protoni e ioni di sodio attraverso le membrane cellulari, comprese quelle che costituiscono la barriera emato-encefalica.

E’ questa la spiegazione fornita per giustificare la maggiore sensibilità per le donne nello sviluppare questi forti mal di testa e della minore reattività ai trattamenti, ed è arrivata da uno studio sui topi che individua la causa nel modo in cui le fluttuazioni di un ormone importante, l’estrogeno, influenzano le cellule del cervello.

Quando NHE1 non è presente a livelli sufficientemente elevati o non funziona correttamente, può generare un’attivazione del dolore che sviluppa emicrania e può anche contrastare direttamente la capacità dei farmaci per l’emicrania stessa di attraversare la barriera emato-encefalica.

Esaminando topi sia maschi che femmine i ricercatori hanno scoperto che i livelli di espressione di NHE1 erano quattro volte più alti nel cervello dei ratti maschi. Nei ratti femmina, hanno osservato invece che i livelli più alti di estrogeni corrispondevano a valori più bassi di NHE1 espressi nelle cellule endoteliali che formano i vasi sanguigni nel cervello.

“Sulla base delle nostre scoperte – conclude Emily Galloway, autrice della ricerca – pensiamo che le donne siano più suscettibili all’emicrania perché le fluttuazioni dell’ormone sessuale principale, l’estrogeno, portano a cambiamenti nell’espressione di NHE1, cosa che potrebbe lasciare il cervello vulnerabile all’attivazione del dolore”.

Articoli correlati

*

Top