Gaming: gli hacker hanno spostato i loro attacchi in un settore in forte crescita

hacker

L’attività degli hacker informatici colpisce indifferentemente sia aziende che giocatori, riducendo i profitti in questo comparto fino al 40%.

Cyber attacchi e tentativi di truffa non risparmiano i siti di giochi online. Lo ricorda la piattaforma Akamai, secondo cui i di videogiochi perdono più del 40% dei loro profitti a causa della criminalità informatica. “Non è solo l’intero business a subire questa nuova ondata di criminalità, ma l’impatto sta diventando significativo anche per i giocatori – ricorda la società – Per esempio i tempi di inattività, dovuti alle violazioni, possono innervosire chi si aspetta un gioco veloce e reattivo. Peggio ancora, se i database dei giocatori vengono violati, oltre ad essere compromessi, i dati personali possono essere venduti e ne può essere fatto cattivo uso”.

Due sono le tecniche principali dei malintenzionati, spiega Akamai, il credential stuffing e gli attacchi Distributed Denial of Service (DDoS). Il primo è una violazione che prevede il furto degli account degli utenti di un determinato sito e l’implementazione di una serie di bot (software automatici) per tentare l’accesso con questi dati a numerosi altri siti.

L’altra metodologia preferita in questo campo sono gli attacchi DdoS, in cui si riesce ad esaurire le risorse di un sistema fino a bloccarlo. “Quando il business si fonda sull’essere a disposizione degli utenti in tempo reale – spiegano gli esperti –, attacchi di DdoS possono avere un impatto importante”.

Articoli correlati

*

Top