Esperti a Ue: “l’obbligatorietà ha rafforzato in Italia la fiducia nei vaccini”

vaccini

Secondo il parere di consulenti dell’Unione Europea ha avuto un’impatto positivo, l’obbligo delle vaccinazioni nel nostro Paese.

Negli ultimi tre anni la fiducia nei vaccini “è aumentata in Italia” e i “dati recenti forniscono prove di un impatto positivo del rafforzamento della legge sulle vaccinazioni obbligatorie”. Questo è quanto si legge nella bozza di parere sui Programmi di vaccinazione e sistemi sanitari in Europa, redatta dal gruppo di esperti indipendenti che fornisce alla Commissione Ue consulenze sui modi efficaci di investire nella salute. Nel documento si riportano anche i risultati di uno studio di appena due anni fa, in cui il nostro Paese si segnalava ai primi posti nel Vecchio Continente in quanto a scetticismo sui vaccini.

Secondo la ricerca, nel 2016 gli italiani erano i primi in Europa a credere che i vaccini non fossero importanti per i bambini (lo dichiarava il 14% degli intervistati), il 20% non li riteneva sicuri e per il 18% i vaccini erano inefficaci. Secondo le conclusioni dei consulenti, il cui documento sarà adottato nelle prossime settimane dopo un’audizione al Parlamento europeo, la copertura vaccinale è aumentata tra il 2016 e il 2017 dallo 0,9% per la vaccinazione contro il tetano a 24 mesi al 4,4% per la vaccinazione morbillo-parotite-rosolia a 24 mesi.

Articoli correlati

*

Top