Salute, in Italia ancora si muore di morbillo

morbillo

Sono 6, i soggetti deceduti a causa del morbillo durante l’anno in corso. Entrambi, si è venuto a sapere, non erano vaccinati.

Dopo le due ultime morti è arrivato a sei, il triste bilancio dei deceduti in Italia dopo aver contratto il morbillo. Sono due persone adulte e non vaccinate, segnalate dalla Regione Sicilia, lo segnala l’ultimo bollettino sulla malattia dell’Iss (Istituto Superiore di Sanità), secondo cui sale così a 6 il numero delle morti in Italia nel 2018.

I due deceduti sono una persona di 51 anni ed una di 29. “In tutti i casi, la causa del decesso è stata una grave insufficienza respiratoria e/o arresto cardio-circolatorio – scrivono gli esperti dell’Iss -. Entrambi i casi erano non vaccinati al momento del contagio”.

Dal 1 gennaio al 31 agosto 2018 sono stati segnalati in Italia 2.248 casi di morbillo (di cui 126 nel mese di luglio e 66 nel mese di agosto 2018). L’88,5% dei casi si è verificato in 7 Regioni, con in testa la Sicilia (1.116 casi). Quest’ultima ha riportato l’incidenza più elevata (333 casi per milione di abitanti) e nella metà dei casi l’età media è stata pari a 25 anni.

Sono stati segnalati 429 casi in bambini di età inferiore a 5 anni, di cui 138 avevano meno di 1 anno. Il 91,1% dei casi era non vaccinato al momento del contagio, il 5,5% aveva effettuato una sola dose. Il 48,9% dei casi ha sviluppato almeno una complicanza, prosegue il documento, e il 59,4% dei casi totali è stato ricoverato. Sono stati segnalati 98 casi tra operatori sanitari, di cui 52 con complicanze (53,1%).

 

Articoli correlati

*

Top