Grecia: se sei “grassottello” a Santorini non puoi salire sull’asinello!

santorini

Il comune di Santorini contro lo sfruttamento degli asinelli utilizzati come taxi da migliaia di turisti.

Se pesi più di 100 chili sei costretto a fare le scale a piedi. E’ questa l’ultima ordinanza varata dal “Ministero dello Sviluppo Rurale e dei Prodotti Alimentari” greco.

Dopo le numerosi denunce e le frequenti manifestazioni da parte delle associazioni animaliste, il comune di Santorini ha pubblicato una serie di regolamenti per tutelare gli asinelli-taxi, una delle più note attrazioni dell’isola. Nell’ordinanza viene dunque specificato che “il limite di carico non deve superare in alcun modo i 100 chili.

Le nuove misure prevedono inoltre che gli asinelli utilizzati per il trasporto dal capoluogo Fira al porto di attracco, vengano “tenuti all’ombra durante le pause“: Non solo. I proprietari degli asinelli non potranno più frustare i somari (pena sanzioni salatissime) e gli dovranno “servire acqua con più regolarità“.

Potrebbe dunque finire il calvario dei poveri asinelli che, stremati dal sole cocente, vengono costretti ogni giorno a trasportare i turisti per gli scalini dell’isola. Ma gli animalisti non gridano ancora vittoria. Difatti, come raccontato ai microfoni del Corriere dall’associazione Help the Santorini donkeys, “il sovraffollamento nelle aree turistiche è ridicolo, e le strade bloccate perché troppo occupate! La pressione sugli asini da lavoro è terribile, li usano per tutto, non solo per far salire i turisti sui gradini ma per raccogliere spazzatura nelle prime ore del mattino prima che arrivino i turisti, e trasportando carichi terribilmente pesanti attraverso le città. Gli asini-taxi devono essere vietati!”.

Articoli correlati

*

Top