Europa League, Garcia scalda la gara: “il mio cuore è giallorosso”

Garcia

Il tecnico ai microfoni di Sky Sport: “Contro la Lazio ho sempre fatto bene, mi auguro di proseguire così”

Rudi Garcia non vede l’ora di sfidare la Lazio. L’ex allenatore giallorosso ha lavorato giorno e notte per preparare la sua squadra all’incontro coi biancocelesti. Perché se da un lato il tecnico del Marsiglia ci tiene a fare bella figura contro gli ex cugini, dall’altro il francese sa benissimo che questa sfida potrebbe essere decisiva per le sorti del girone.

“Sarà una gara speciale – ha detto in conferenza l’allenatore dell’OM dobbiamo assolutamente vincere per ottenere i primi 3 punti del girone, per ora ne abbiamo solo uno”. Compito molto più arduo ora che l’ex tecnico giallorosso dovrà fare a meno del suo bomber Florian Thauvin, 6 gol in 6 gare di Ligue 1: “Sarà out per un problema al tallone. In assenza di Thauvin posso utilizzare le due punte. Abbiamo giocato così col Nizza. Ho tre possibili moduli a disposizione, ma deciderò solamente domani”.

Non abbiamo iniziato l’Europa League nel migliore dei modi, – prosegue l’ex tecnico giallorosso ai microfoni dei giornalisti -abbiamo un solo punto e dobbiamo vincere assolutamente. In difesa? Ho tanti giocatori importanti, non esiste un posto fisso in nessuna posizione. In queste gare occorre il turn-over, la partita di domani sarà utile per cambiare calciatori e modulo. L’obiettivo è vincere, anche se cambieranno gli interpreti”.

Per me è bello affrontare un club italiano. – conclude il tecnico del Marsiglia – A differenza della Francia, in Italia ci sono tante grandi città che hanno due squadre. A Roma ero dalla parte dei giallorossi e il mio cuore è rimasto quindi giallorosso. Sarà una partita speciale, anche se ho rispetto per i tifosi laziali. Contro la Lazio ho sempre fatto bene, mi auguro di proseguire così. Punti deboli? Me li tengo per me, cercheremo di sfruttarli. Tutte le squadre hanno punti deboli, anche noi li abbiamo. Di punti di forza la Lazio ne ha tantissimi, a partire da Immobile e la sua forza offensiva. La squadra di Inzaghi non mi sorprende ormai, lotta ogni anno per fare bene in campionato e in Europa. Mi hanno scritto molti amici romani dopo che abbiamo pescato i biancocelesti: più amici che ex giocatori o colleghi della Roma”.

Articoli correlati

*

Top