Calcio: per la Roma in Champions League urna benevola

roma

La squadra capitolina affronterà il Porto. Era la squadra più debole nei possibili abbinamenti, ma servirà una Roma ben diversa da quella di adesso.

La Roma, tolte Juventus e Real Madrid che come da regolamento della Champions League non poteva affrontare agli ottavi di finale, pesca i lusitani del Porto evitando contemporaneamente compagini decisamente più ostiche. Buona sorte, va bene, ma a nulla servirà questa piccola fortuna se le cose non cambieranno radicalmente nella squadra di Di Francesco. Perché ieri nella sfida di campionato contro il Genoa si è vista una formazione assolutamente non competitiva, seppur priva di alcuni elementi di spicco, ma comunque mentalmente troppo fragile.

Lo sa bene l’ex Capitano Francesco Totti, che ha commentato “urna fortunata, ma Porto non facile. Ora 2 mesi tempo per tornare noi stessi”, invitando allo stesso tempo a non sottovalutare il Porto. La possibilità di vendicarsi nei confronti dei portoghesi arriva forse nel peggior momento in assoluto, con l’allenatore Di Francesco in bilico ed i capisaldi della Roma acciaccati. Ma tanta è la voglia di dimenticare la doppia partita di quei preliminari della Champions League 2016-17 che inaspettatamente beffò i giallorossi, estromettendoli dalla massima competizione per club del vecchio continente.

Notazione curiosa: nel Porto giocherà un centrocampista che il ds Monchi insegue da tempo, il messicano Herrera. Andata all’Olimpico, ritorno in terra portoghese, sperando che in due mesi la musica sia cambiata.

Questi gli accoppiamenti degli ottavi di finale della Champions League 2018-’19, stabiliti dal sorteggio di oggi a Nyon:

Schalke 04 (Ger) – Manchester City (Ing)
Atletico Madrid (Spa) – Juventus (Ita)
Manchester United (Ing) – Paris SG (Fra)
Tottenham (Ing) – Borussia Dortmund (Ger)
Lione (Fra) – Barcellona (Spa)
Roma (Ita) – Porto (Por)
Ajax (Ola) – Real Madrid (Spa)
Liverpool (Ing) – Bayern Monaco (Ger).

Articoli correlati

Top