Calcio: sarà Solskjaer l’erede di Mourinho sulla panchina del Manchester United

solskjaer

Il norvegese Solskjaer guiderà i Red Devils fino alla fine della stagione.

Tenterà di salvare il salvabile Ole Gunnar Solskjaer, chiamato a guidare un Manchester United sesto in Premier League (staccato di 19 punti dalla capolista Liverpool) ma ancora in lizza negli ottavi di Champions League che lo vedranno impegnato a febbraio-marzo nel doppio scontro con i temibili francesi del Paris Saint-Germain.

Eredita una situazione pesante, dopo il 3-1 incassato dal Man U domenica ad Anfield contro il Liverpool di Klopp in cui è stata evidenziata tutta la fragilità difensiva dello United targato Mourinho. Un reparto, quello arretrato, che per l’allenatore portoghese è stato storicamente il cavallo di battaglia ed il punto di forza, incredibilmente debole domenica nell’aver concesso ai “Reds” decine di tiri.

L’esonero dello special One, oltre che per motivi tattici, è da considerarsi l’ennesimo capitolo della deriva dirigenziale della società di Manchester, che a detta dell’ex gloria Gary Neville “è marcia fino al midollo” e non ha saputo rinnovarsi dopo l’addio di qualche anno fa di Sir Alex Ferguson. Una scia di acquisti onerosi e sbagliati ed un’incerto ed incoerente navigare a vista hanno portato alla situazione odierna ed a sollevare dal proprio incarico Mourinho, ora diventato l’oggetto del desiderio delle squadre di mezza Europa.

Solskjaer, dal canto suo, è un’incognita, avendo alle spalle sì una grande carriera proprio nelle fila dei Red Devils, ma francamente modeste esperienze in panchina. Incaricato di traghettare il Manchester United in questa fase di transizione, riuscirà lo stesso a togliersi qualche sassolino dalla scarpa?

Articoli correlati

Top