Natale e gli sprechi, un binomio da superare

natale

Siamo alla vigilia delle maratone gastronomiche del periodo di Natale, ed alcuni consigli possono essere utili a non dilapidare preziose risorse.

Sembrano sollecitazioni ovvie, quello da seguire per allestire pranzi e cene di Natale, ma tanto scontate non sono, se pensiamo a quanto viene buttato nella spazzatura di ancora commestibile sotto il periodo delle feste di fine anno. Per questo motivo Andrea Segrè, promotore del movimento e della campagna Spreco Zero, si è preso la briga di mettere nero su bianco pochi e semplici consigli da seguire se si vogliono evitare inutili, anti-etici e costosi sprechi:

1 – Prima di fare la spesa controllare frigorifero, dispensa e cantina, calcolando le scorte presenti ed incrociandole con il numero dei commensali previsti per ogni pasto.

2 – Dribblare i tentativi di seduzione tipici del marketing: il 3×2, gli sconti e il sottocosto non servono per le feste, sono solo utili ad ingrossare inutilmente le scorte senza un criterio razionale.

3 – Pesare gli alimenti che si stanno per comprare e confrontare il risultato ottenuto con gli invitati: non si dovranno cucinare quantità adatte ad un reggimento.

4 – Recuperare tutto ciò che avanza da pranzi e cene, riporlo e conservarlo in maniera ottimale e riproporlo in maniera creativa per un super pasto del giorno dopo.

5 – Differenziare nei bidoni o nei sacchi dedicati della spazzatura tutto ciò che resta a tavola e sotto l’albero, dagli avanzi agli imballaggi. L’ambiente ci ringrazierà.

Articoli correlati

Top