Come utilizzare il CBD per combattere lo stress

stress

Combattere lo stress è una delle sfide più importanti dell’attualità. I ritmi frenetici, l’insicurezza lavorativa e la cosiddetta ansia sociale, hanno generato un numero sempre maggiore di persone che soffrono di questo disturbo.

Il CBD, principio attivo ricavato dalla pianta di canapa, aiuta ad alleviarne i sintomi, riducendone gli effetti e limitando la frequenza con cui avvertiamo uno stato di agitazione. Le sue proprietà calmanti infatti producono effetti sul sistema endocannabinoide umano, contribuendo a riequilibrare quei processi che avevano subito uno scompenso.
Per ottenere risultati senza rischi bisogna affidarsi a produttori che utilizzano materie prime di qualità e che rispettano gli standard di estrazione e realizzazione.
Enecta.it, azienda che produce e vende prodotti realizzati con estratti dalla canapa, ha un ricco catalogo di oli e cristalli e fornisce ai propri clienti una chiara documentazione sul processo di lavorazione della materia prima e un blog costantemente aggiornato su consigli d’utilizzo e avanzamento degli studi scientifici.

La Ricerca

Le ricerche sull’utilizzo del CBD per il trattamento di molteplici patologie sono ancora in corso e ottengono sempre più l’approvazione della comunità scientifica, che ne riconosce gli effetti positivi e comincia a consigliarne l’utilizzo in maniera costante. In merito al trattamento dello stress, nel 2015 è stato pubblicata una revisione delle ricerche fino ad allora eseguite al fine di evidenziare gli effetti del cannabidiolo.

La pubblicazione contiene i risultati di 49 studi preclinici, clinici, epidemiologici e ricerche di neuroimmagine. Nel testo si fanno notare i risultati assolutamente positivi nel trattamento degli stati d’ansia generati da diversi fattori: ansia generalizzata, evento post traumatico e disturbo ossessivo-compulsivo. L’ultima ricerca invece è del 2018 ed ha considerato un campione di 1400 persone. Il test è stato fatto mediante risposta autocompilata da parte dei soggetti coinvolti. Il 58% del campione ha segnalato una netta riduzione dell’ansia, confermando che i prodotti a maggior concentrazione di CBD e minore di THC sono più efficaci.

Trattamento dell’ansia sociale

L’ansia sociale è un disturbo che colpisce tantissime persone. Si manifesta nelle situazioni in cui la persona si sente sovraesposta e i sintomi vanno dal tremore alla tachicardia fino ai problemi gastrointestinali. Il fenomeno più comune è quello dell’ansia di parlare in pubblico ed è uno dei più indagati, perché rivela una generalizzata insicurezza e una paura del giudizio altrui, soprattutto quello negativo. Sono situazioni queste di enorme stress psicofisico e il cannabidiolo aiuta a contribuire sul meccanismo che aziona la paura e il timore di sbagliare.
Un’indagine del 2011 pubblicata sulla rivista Nature ha proprio indagato questo fenomeno somministrando CBD a 24 persone poco prima di dover parlare in pubblico. I risultati hanno evidenziato che i soggetti ai quali era stato somministrato cannabidiolo avevano un livello di stress decisamente inferiore rispetto a chi aveva assunto un semplice placebo.
Un altro settore in cui l’utilizzo del CBD potrebbe trovare terreno fertile nella riduzione dell’ansia e dello stress è lo sport. L’assunzione controllata di CBD infatti favorisce la concentrazione pregara, un momento che solitamente è associato a paura, ansia e stress e che rischia di compromettere l’efficacia della prestazione.

Articoli correlati

Top