Una FaceApp “fake” infetta i dispositivi di vittime inconsapevoli

FaceApp

Una finta versione di FaceApp sarebbe la responsabile di centinaia di casi di invio di pubblicità indesiderata.

Approfittando della popolarità di FaceApp, l’applicazione che tra le opzioni invecchia anche i volti, è stata sviluppata da malintenzionati un’app fake, una imitazione, che infetta le vittime facendo visualizzare pubblicità indesiderata. L’hanno scoperta i ricercatori di Kaspersky.

“Una volta che l’applicazione viene scaricata da fonti non ufficiali e installata – spiegano – simula un guasto e questa è successivamente rimossa. In seguito, un modulo malevolo dell’applicazione rimane nascosto nel dispositivo dell’utente, facendo visualizzare annunci pubblicitari”. La versione finta di FaceApp infetta i dispositivi delle vittime con un adware (virus progettato per lanciare messaggi pubblicitari sul display) denominato MobiDash.

Secondo i dati di Kaspersky, circa 500 utenti unici hanno riscontrato questo problema negli ultimi due giorni, mentre la prima rilevazione del modulo adware è datata 7 luglio. Sono stati identificate quasi 800 diverse modifiche ai moduli.

“Le persone dietro MobiDash spesso nascondono i propri moduli adware dietro ad applicazioni e servizi noti. Ciò vuol dire che le attività delle versioni fake di FaceApp potrebbero intensificarsi, considerando che hanno colpito centinaia di utenti in due soli giorni. Raccomandiamo agli utenti di non scaricare applicazioni da fonti non ufficiali e di installare soluzioni di sicurezza sui propri dispositivi per evitare qualsiasi danno”, commenta Igor Golovin, Security Researcher di Kaspersky.

Articoli correlati

Top