Professione HR specialist: consigli per la gestione delle risorse umane in azienda

azienda

Essere qualificati per il lavoro nell’area delle risorse umane significa dover gestire il capitale più importante per un’azienda, ovvero quello umano.

L’HR specialist è una figura professionale che possiede più qualifiche, tra cui:

  • saper mediare e dirimere le controversie;
  • saper ascoltare e comunicare con il personale lavorante;
  • conoscere le leggi che regolano i rapporti con il personale in termini economici e contrattuali;
  • conoscere le basi della psicologia necessarie per instaurare una buona relazione interpersonale.

Non stupisce che si tratti di una delle figure professionali più richieste oggi. Qual è il percorso formativo necessario per acquisire le capacità dello specialista in risorse umane?

L’HR Specialist proviene da..

Il percorso di studi è solitamente di taglio umanistico. Di norma, l’orientamento universitario che indirizza verso l’ambito professionale delle risorse umane comprende studi di tipo:

  • economico
  • sociologico
  • psicologico

Al termine del percorso universitario è consigliabile partecipare a un Master in Risorse Umane con un approccio didattico fortemente specifico, necessario per acquisire conoscenze specifiche. Il taglio specifico del master è essenziale e la difficoltà, oggi, sta proprio nell’individuare questa tipologia di corsi (qui forniamo un esempio di master in risorse umane con un taglio operativo), in cui il percorso didattico verta sia su lezioni in aula, sia su esercitazioni pratiche e di role playing, indispensabili per poter acquisire competenze pratiche immediatamente spendibili nel settore o nell’attività consulenziale.

Pertanto, le attività formative post laurea proposte dalle Business School sono preziose ai fini dell’inserimento immediato nel mondo del lavoro nell’area delle risorse umane.

Le mansioni

In termini di attività quotidiane, lo specialista in risorse umane può svolgere le seguenti mansioni:

  • gestione e cessazione dei rapporti di lavoro: gestione completa e sicura di tutti gli adempimenti connessi all’instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro;
  • supervisione degli aspetti legali e amministrativi connessi alla gestione del personale;
  • selezione del personale: analisi dei curricula, ricerca dei potenziali candidati, gestione dei colloqui;
  • amministrazione del personale: pianificazione dei turni, delle ferie e dei permessi, gestione degli eventuali infortuni, gestione delle assenze ed elaborazione delle buste paga;
  • gestione dei rapporti con gli enti sindacali;
  • risoluzione dei contenziosi;
  • valutazione della produttività connessa alla forza lavoro;
  • individuazione delle capacità del personale ai fini dell’indirizzamento delle carriere;
  • pianificazione della formazione dei dipendenti – quando necessario – ed elaborazione dei piani formativi.

E gli sbocchi professionali?

Gli ambiti di applicazione degli specialisti in HR sono tanti, ma possiamo fornire degli esempi:

  • specialista nella ricollocazione professionale
  • consulente
  • esperto in people rising
  • selezionatore presso aziende di recruiting

L’ingresso nel mondo del lavoro può avvenire contestualmente al conseguimento della laurea, ma anche dopo 7/10 mesi, un lasso di tempo designato alla formazione post laurea attraverso la partecipazione a master, stage, praticantati e tirocini, tutte attività preparatorie per una carriera professionale nelle risorse umane.

Top