Corteo per Davide, la gaffe dei giornali sul cappello del comandante

cappello

Cappello o berretto? I giornali inciampano sull’esatto termine del copricapo militare protagonista dell’episodio avvenuto nel corso del sit-in per ricordare Davide Bifolco davanti alla caserma.

Ha fatto molto discutere il corteo per ricordare il ragazzo ucciso a Napoli da un carabiniere. Nella narrazione della manifestazione ampio risalto è stato dato al gesto, rispettabile, del comandante Marco Minicucci che alla richiesta dei parenti e degli amici si è tolto il berretto.

Ecco, ad eccezione dell’agenzia Ansa e di pochi altri, quasi tutte le testate hanno definito “cappello” il copricapo protagonista del sopracitato gesto.

L’azione è stata apprezzata, anche se non era dovuta, dal momento che l’ufficiale era in uniforme. Il gesto, però, ha contribuito in maniera decisiva a tranquillizzare gli animi già molto scossi dei partecipanti al ricordo del ragazzo ucciso.

Tra i titoli principali spiccano quello de Il Fatto Quotidiano, “Prove di pace a Napoli, il comandante si toglie il cappello”; quello del Corriere della Sera “In corteo per il ragazzo morto. Il colonnello si toglie il cappello”; la Repubblica scrive “Corteo per Davide e il carabiniere si toglie il cappello”, mentre Il Messaggero, con la didascalia illustra la foto in cui “Il comandante Minicucci si toglie il cappello”.

Una disattenzione in cui sono incappate le più importanti testate nazionali che hanno affibbiato a un capo puramente militare come il berretto, un nome tipicamente civile, come cappello.

L’Ansa non ci è cascata. Alla principale agenzia stampa italiana, dunque, tanto di… berretto.

Articoli correlati

*

Top