Un complotto dietro l’uccisione dell’orsa Daniza?

orsa daniza
orsa daniza

Si fanno sempre più incombenti, le ombre sulla vicenda dell’orsa Daniza, deceduta pochi giorni fa dopo una caccia durata settimane nei boschi del Trentino.
Iniziano ad affiorare interrogativi e circostanze misteriose che porterebbero a parlare di un vero e proprio movente dietro l’uccisione del plantigrado, deceduto per una dose massiccia di anestetico iniettatagli dai veterinari nel tentativo di addormentarla.
Innanzitutto ci si chiede come ci si sia potuti sbagliare sulla quantità di sedativo destinato all’orsa. Le cose sono due: o gli addetti erano dei dilettanti allo sbaraglio (e sarebbe una cosa gravissima, dal momento che l’animale apparteneva ad una specie protetta) oppure la quantità di medicinale è stata deliberatamente aumentata per mettere definitivamente fuori combattimento Daniza.
Siamo d’accordo con l’ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari) quando afferma che “gli specialisti sanno bene che queste anestesie sono pericolose perché l’orsa potrebbe aver avuto un problema cardiaco o metabolico sottostante che era impossibile rilevare senza analisi accurate pre-anestesia”. Ma doveva essere per forza totale, questa anestesia? O poteva anche essere utilizzata una sedazione blanda, sufficiente tanto quanto bastava per intontire Daniza e consentire agli operatori di prelevarla senza correre rischi, per condurla in un luogo più idoneo?
Ci ha messo il carico da quaranta anche il presidente del PAE (Partito Animalista Europeo), Stefano Fuccelli, che ha fornito un possibile movente dell’accaduto. Se fosse confermato quanto afferma, ci troveremmo al cospetto di un assurdo omicidio consumato per squallidi motivi. “Daniza non è stata abbattuta per la sua pericolosità verso l’uomo – sostiene Fuccelli – la presunta aggressione non è mai stata confermata da perizie tecniche e l’ordinanza di cattura con l’ipotesi di abbattimento è stata formulata basandosi  su una ricostruzione dei fatti a dir poco fantomatica della presunta vittima. Nessun testimone, nessuna prova video, nessuna immagine, solo dichiarazioni contrastanti tra loro”.
Il presidente del PAE ha riportato anche il parere di numerosi esperti etologi, tra i quali Roberto Marchesini, “che si sono trovati concordi sulla non pericolosità  dell’orsa Daniza, il cui comportamento è perfettamente normale e non è affatto indice di pericolosità dell’animale”.
Va giù duro Fuccelli, che ha dichiarato anche che “ci risulta che a Pinzolo, luogo della presunta aggressione, è pronto il progetto per la realizzazione dell’ampliamento dell’area sciistica dopo il recente collegamento funiviario con Madonna di Campiglio, fino ad ora però bloccato a causa dell’orsa protetta dal progetto europeo Life Ursus”. Viene da sé l’ipotesi che “Daniza sia soltanto il capro espiatorio di una vicenda dai risvolti politici economici, di consensi elettorali e spartizioni di denaro pubblico”.
E’ anche curioso apprendere che Daniele Maturi , il fungaiolo rimasto vittima della presunta aggressione dell’orsa, sia un dipendente delle Funivie Pinzolo, di mestiere battipista. Strana coincidenza, ma fate voi….
Intanto è partito il boicottaggio rivolto verso il Trentino. Gli attivisti animalisti hanno invitato a non trascorrere le vacanze nella provincia, in modo da far sentire forte e chiaro lo sdegno degli italiani nei confronti degli amministratori locali.
Non hanno voluto sentire ragioni quando prendevano le loro scriteriate decisioni, sentiranno le lamentele degli albergatori trentini.

 

Articoli correlati

42 Commenti

  1. Fabio said:

    Visto che sfottete così allegramente ogni ipotesi di lucro dietro a tutta questa vergognosa vicenda spiegatemi allora come è possibile accoppare un’orsa di 150 kg da con un’anestesia somministrata da uno che dovrebbe essere un veterinario?

  2. begallo said:

    si vocifera in ambienti altolocati, che dietro la morte dell’orsa ci sia in realtà un complotto a livello mondiale, volto a destabilizzare le democrazie occidentali…..infatti si punta alle dimissioni del Governo Italiano, e via via , di tutte Autorità Europee, con conseguente collasso dell’UE e successiva invasione da parte di: Esercito Jahdista, Russia, Cina, America, insomma diventeremmo(condizionale d’obbbligo)un aterra di nessuno, semza più orsi , rimaranno però i lupi, è già qualcosa….gli unici che possono evitare tutto questo sono i cosidetti bestialanimalisti che anteponendo la vita di un animale a quella di un essere umano andranno sicuramente d’accordo con i Jahdisti……

    • Giorgio said:

      Scusa ma chi sarebbero jahdisti? O forse intendi jihadisti? Ah, e poi hai ragione l’uomo non agisce mai per un secondo fine e mai e poi mai per interesse economico, e bianca neve e i sette nani proprio oggi s’incontrano con cappuccetto rosso e la bella addormentata proprio nei boschi del trentino

      • Estell said:

        Al di la di tutte le ciance le storie e le supposizioni di complotti più fantasiosi che possono passare per la lingua, e del voler presentare il pericolo incombente dello sterminio di tutto il regno animale sulla terra, e allora poi anche degli insetti e di tutta la vegetazione delle aree boschive, se qualcuno osa dire di essersi difeso dall’attacco di un animale, il problema per l’uomo sta nella presenza di un essere vivente che uccide in un territorio, uccide gli altri animali ed è in grado di uccidere l’uomo,
        A mio parere quantomeno l’uomo dovrebbe avere uguali diritti che gli animali, e accettato e adottato questo si dovrebbero rivedere parecchie pratiche e comportamenti verso gli animali compresa, in primis, la vivisezione, quindi anche l’uomo deve avere diritto di attraversare e vivere campagne e boschi liberamente, e se assalito e aggredito, lui e altri animali, fino a poter essere ucciso, anche lui deve poter rispondere altrettanto lo stesso tipo di aggressione, per alimentarsi, per il territorio, per la sopravvivenza.
        Perché il territorio è la sopravvivenza. Il territorio naturale; anche per l’uomo.
        Una volta l’uomo risolveva la questione grandi carnivori pericolosi per l’uomo confinandoli in riserve, se oggi si pensa che il grosso del territorio umano, quello più pregiato, debba venire popolato da grandi carnivori, mentre noi esseri umani ci confiniamo echiudiamo felici in ambienti cittadini e basta,
        potranno anche asserire tutti di essere d’accordo con questa soluzione, ed io essere l’unica persona che non la ritiene corretta che diviene isolata, ma io la ritengo aberrante.
        Il fatto che si dica che Biancaneve e cappuccettorosso si incontrano da qualche parte, non mi sembra né degno di nota né un reato, non mi sembra un reato manifestare la propria opinione con correttezza, a mio avviso i reati sono ad esempio la lesione della riservatezza, perché un essere umano che possa definirsi tale non può sussistere senza alcuni requisiti necessari al mantenimento fisico e psicologico, e uno di questi deve essere un minimo di riservatezza, e altro reato è la minaccia, che è già una forma di violenza.

  3. Jessica said:

    UCCIDEREBBERO ANCHE LA LORO MADRE PUR DI FAR DEI SOLDI……
    LA RESA DEI CONTI ARRIVA, QUANDO SARETE VOI A STARE MALE..I SOLDI NON VI SERVIRANNO A NIENTE… VERGOGNA…..

  4. Ste said:

    Ah ah ah…miiii…..siete troppo divertenti…complotto…..complottissimo…..complotterrimo…se veramente l’orsa andava eliminata per questo allargamento delle piste (tutto da dimostrare, siamo ancora in uno stato di diritto)…ma, ad ogni modo…se qualcun deve orchestrare l’eliminazione dell’animale lo fa con tutto sto clamore o invece, semplicemente, lo fa sparire senza dirlo a nessuno? Suvvia…guardate che sulla luna gli americani ci sono stati davvero!

    • Caterina torregrossa said:

      Sei sicura che stai in uno stato di diritto? Sono felice per te che ci credi!

      • Ste said:

        Non ho detto che sono contento dello stato in cui vivo, ma se non sei convinta che una persona sia innocente fino a prova contraria è meglio che emigri! Cordialità.

        • Caterina said:

          Il 14 settembre alle 20:42 hai scritto che vivi in uno (stato di diritto). Il 15 settembre alle 8:17 scrivi che (non sei contento dello stato in cui vivi) ma poi che importanza ha la parola fino a prova contraria quando non c’è giustizia,e non c’è pena?

      • Nick said:

        In uno Stato di diritto ci saremmo effettivamente, e le leggi le avremmo anche. Ma siamo proprio noi che le rinneghiamo, siamo noi ipocriti e leccac… quando andiamo in aiuto del più forte quando non rispetta il diritto e il comune buonsenso di giustizia, pensando che ci conviene, a fare sì che in pratica in uno Stato di diritto non ci siamo.
        Siamo noi opportunisti che pensiamo di esseri furbi quando stiamo dalla parte della persona posizionata e altolocata che minaccia e perseguita senza metterci la faccia, e da giustificazioni e accuse anonime e non firmate, allo scopo di impedire il diritto di parola e difesa dell’altra parte,
        che creiamo lo stato di ingiustizia e di mancanza di diritto che effettivamente viviamo. siamo noi che preferiamo vivere nel mondo dei sogni o mettere la testa sotto la sabbia accettando questo modo di fare pensando che così staremo meglio.

      • Mick said:

        In uno Stato di diritto ci saremmo effettivamente, e le leggi le avremmo anche. Ma siamo proprio noi che le rinneghiamo, siamo noi ipocriti e leccac… quando andiamo in aiuto del più forte quando non rispetta il diritto e il comune buonsenso di giustizia, pensando che ci conviene, a fare sì che in pratica in uno Stato di diritto non ci siamo.
        Siamo noi opportunisti che pensiamo di esseri furbi quando stiamo dalla parte della persona posizionata e altolocata che minaccia e perseguita senza metterci la faccia, e da giustificazioni e accuse anonime e non firmate, allo scopo di impedire il diritto di parola e difesa dell’altra parte,
        che creiamo lo stato di ingiustizia e di mancanza di diritto che effettivamente viviamo.
        Siamo noi che preferiamo vivere nel mondo dei sogni o mettere la testa sotto la sabbia accettando questo modo di fare pensando che così staremo meglio.
        E non mi sembra un’osservazione da moderare con l’eliminazione.

    • Cloudy said:

      L’orsa non andava eliminata per l’allargamento delle piste, ma perché si trova in ambienti da sempre utilizzati dall’uomo, dalla quale ora invece rischia seriamente di essere ucciso se vi si reca ancora.

  5. Franco Guerrazzi said:

    Quando uno siede dietro ad un tavolo e non ha nulla da fare può pensarle tutte, mi ricordo però che un personaggio importante del WWF , altro non era che uno dei dirigenti della ICMESA di Seveso , di Diossina memoria ed a chi non dice nulla questa parola vada a cercarla sugli annali di stampa. Che un cercatore di funghi sia un battipista delle piste di sci senz’altro sarà anche vere e come senz’altro sarà vero che i funghi li trovava e che aveva il tempo da dedicare a questo tipo di lavoro , perchè per molti non è un hobby ma un lavoro che gli consente di incrementare lo stipendio stagionale e a mio avviso se avessero voluto far sparire l’orsa non avrebbero avuto bisogno di tutta questa sceneggiata. Siccome io sono malfidato, mi piacerebbe sapere che cosa si vuole nascondere con tutta questa sceneggiata?

  6. Tristano said:

    Non capisco con quali criteri si tutelano le specie animali, perchè un maiale, un montone, un bue ed altri esseri commestibili dall’uomo, non hanno la possibilità di tutelare i propri cuccioli, quindi vorrei capire esattamente di cosa stiamo parlando.

  7. annalisa said:

    E una cosa inaccettabile,a pagare sono sempre i piu deboli. In questo caso caso ha pagato DANIZA,colpevole solo di aver difeso i suoi cuccioli.

  8. Remo said:

    la rappresentate LAV, “dopo l’autopsia volevano bruciare il corpo di Daniza lo abbiamo impedito” ..lo ritengo un chiaro indice di colpevolezza,sbarazzarsi prima possibile del corpo di reato..ecco alcune risposte che dovranno emergere dall’autopsia:quale farmaco o mix di farmaci è stato usato.? e vero che e stato usato un farmaco molto datato anni 60 e non farmaci recenti molto molto più sicuri..? la dose era massiccia tale da provocarne deliberatamente la morte..? reclusa avrebbe comportato ulteriori e gravi problemi di ordine pubblico..? perchè non è stato usato un farmaco che abbia un antidoto in caso sorgano problemi..? perchè la POLTICA TRENTINA non ha voluto fornire il nome di tale farmaco..? perchè alle richieste dichiarimenti più volte sollevate – su procedure e farmaci usati – dall Ordine dei Veterinari locale LA POLITICA non ha mai dato risposte…? PONZIO PILATO MINISTRO DELL’AMBIENTE GALLETTI, PRESIDENTE VICE E ASSESSORE ALL’AGRICOLTURA FORESTA FAUNA DELLA PAT..ROSSI/OLIVI/DALLAPICCOLA PER CRUDELTA’ ASSOLUTA..DIMETTETEVI…!!!

  9. Ste said:

    non è il primo articolo dove vengono usate parole come omicidio e cadavere. Ma stiamo scherzando? Noi siamo uomini, loro animali. Dobbiamo, ripeto dobbiamo cercare di vivere in equilibrio, ma dobbiamo anche accettare la cosa. Chi farfuglia e blatera sull’uguaglianza è semplicemente ipocrita perché lo fa scrivendo dal suo bel tablet…se vuole l’uguaglianza che vada ad abitare in una casupola di montagna senza bene e servizi. Cacciando per sostenersi inclusa la pelle dell’orso per scaldarsi in inverno e pregando di non morire alla prima influenza!

    • Caterina torregrossa said:

      La civiltà di un popolo si riconosce da come tratti gli animali! Riflettici su un pochino! Forse capirai!

      • Ste said:

        Se leggi bene ho scritto che dobbiamo cercare di vivere in equilibrio con gli animali. Mica voglio cementificare il pianeta. Mi altera la fuffa sui complotti (senza prove e nemmeno senza citare le fonti), l’utilizzo di vocaboli atti solo a fomentare le chiacchiere (omicidio, cadavere) e mi danno fastidio questi discorsi di “uguaglianza sociale” nei confronti degli animali: chi lo desidera può regredire al neolitico e trovarsi in una via intermedia della catena alimentare…io no!

        • Caterina said:

          Non ti alterare,vuoi vivere in equilibrio con gli animali e per questo permetti di sopprimere ciò che ti da fastidio?Io sinceramente credo che tu ragioni da era neolitica e lo dimostra il contenuto delle tue e-mail.

  10. MARCO said:

    Se il sig. Emiliano stella potesse gentilmente postare qualche link che confermassero l’effettivo bloccaggio dei progetti di ampliamento sciistici a causa della presenza dell’orsa, le sue teorie sul conflitto di interessi potrebbero anche essere credibili.
    Grazie

    • STEFANO said:

      Concordo. In assenza di evidenze, si sono scatenati i Gomblottisti, quindi sarebbe davvero opportuno dimostrare le asserzioni fatte nell’articolo.
      Che alcuni degli attori del misfatto siano dipendenti di una funivia non credo dimostri nulla, se assaltano qualcuno sotto casa mia è facile che sia un mio coinquilino, e che a difenderlo arrivi un altro coinquilino.
      Quanto al resto, senza voler assolvere nessuno, ci vuole serietà: non ispirarsi ai telefilm americani, in cui si capisce lombrosianamente che il tizio sgarbato o brutto o trasandato è un agente della CIA o un poliziotto corrotto (ma fa parte di una fiction). Il metodo giusto è quello della Gabanelli o di Iacona, raccogliere prove o tanti indizi da fare prova.
      Per esempio, si potrebbe chiedere l’autopsia dell’orsa per stabilire se la dose di anestetico fosse eccessiva, e nel caso imputarne la responsabilità ai dottori della Forestale.
      Altrimenti siamo vicini alla diffamazione a mezzo stampa.
      D’altra parte un bel Gomblotto non si nega a nessuno, da’ tanta visibilità a gratis…

  11. Giuseppe said:

    “…E’ anche curioso apprendere che Daniele Maturi , il fungaiolo rimasto vittima della presunta aggressione dell’orsa, sia un dipendente delle Funivie Pinzolo…

    Infatti, trovare a Pinzolo qualcuno che lavori nel settore del turismo invernale è una coincidenza rara e singolare…
    LOL

  12. claudio said:

    Dio ha fatto gli animali per compagnia all’uomo, il quale ha la responsabilità di gestire la creazione secondo la volontà di Dio.
    Coloro che disprezzano il Grande regalo ricevuto avranno la GIUSTA REMUNERAZIONE la stoltezza sarà GIUDICATA senza attenuanti. allora sarà PIANTO E STRIDORE DI DENTI, intanto a chi legge DICO: AMA IL CREATO (UOMO COMPRESO) E RISPETTALO, ti saranno perdonati moltissimi dei tuoi difetti, CIAO CLAUDIO.

  13. giando said:

    Ma non diciamo scemenze, hanno ucciso un orso per una pista da sci, gli orsi si spostano di continuo non hanno un territorio fisso e la pista in questione è solo una piccola pista di collegamento in una zona già inserita all’interno della ski aerea.

    • Cristiano said:

      Alcuni orsi sono più sedentari e trascorrono lunghi periodi, anche tutta la vita, nello stesso territorio dove imparano a trovare cibo e rifugio. Altri sono più erratici e compiono frequenti esplorazioni di vasti territori.

    • sonia said:

      le scemenze le dici tu perchè un orso può rimanere nello stesso territorio per decenni. e con tutti questi impianti avete rovinato le montagne.

    • MARCO said:

      Questo è vero.
      E in più non si capisce perchè l’orsa dovrebbe costituire un impedimento alla realizzazione delle piste da sci.
      Non credo che la sua presenza sia sufficiente per bloccare le scelte politiche per la riqualificazione di un’impianto sciistico.

  14. Adriano G. V. Esposito said:

    omicìdio s. m. [dal lat. homicidium, comp. di homo «uomo» e -cidium «-cidio»].

    Non puoi usare questa parola per descrivere l’uccisione di un animale, andiamo, si tratta di conoscere l’italiano! :/

    • Laura said:

      Non non sarà sicuramente omicidio, chiamiamolo ANIMALICIDIO, ma non è meno schifoso, uccidere un ‘orso solo per interessi economici fa veramente ribrezzo. Spero che paghino tutti se c’è una giustizia , ma ci credo poco.

    • Michela said:

      Neanche tutti gli esseri umani ….. sono umani! E italiano o no (e in questo contesto mi sembra di grande ignoranza da parte tua farlo notare) hanno ucciso, per soldi, una animale, nel suo habitat naturale e una mamma che difendeva i suoi cuccioli… come le madri dovrebbero fare… ma noi preferiamo quelle che buttano i propri “cuccioli” nei bottini delle immondizie o gli fanno fare i “pacchi postati”…. spero che nessuno vada + a passare anche solo una giornata di svago in Trentino… vediamo poi come campano con i “pomi” e basta!

    • Alex TheMod said:

      Mio dio..non so se sia più grave l’aver enfatizzato la storia o i vaneggiamenti complottisti (davvero RIDICOLI e RISIBILI) di questo articoletto da avanspettacolo

      • Gino said:

        Oh mioddio anche tu un battipista locale? Complotto o meno una vicenda vergognosa che non fa certo onore al genere umano: la più distruttiva specie animale vivente sulla faccia della terra.

        • Caterina said:

          Sono d accordo con te,ma poi se non si è in grado di gestirli perché andarli a prendere?non ci sono venuti da soli!!

    • Franca Eder said:

      Adriano guarda hai stufato anche i cani. Vai a commentare altrove qui NON è una pagina di Glottologia. Sei ridicolo.

    • Matteo said:

      Come risaputo, le argomentazioni basate sull’etimo sono probabilmente le più fragili in assoluto.
      Primo perché vuote di valori intrinseci. Secondo perché ciò che non potremmo etimologicamente chiamare omicidio, potremmo chiamare assassinio, uccisione, senza spostare una virgola al resto dell’argomentazione, e non sapresti cosa obiettare. Potremmo argomentare in altre lingue, parlando di murder, killing, e la valenza della tua obiezione si scioglierebbe come neve al sole.
      Ops.

*

Top