Reso cieco dal razzo sparato da americano: scontro Italia-Usa?

razzo salvagno

Un nuovo caso di giurisdizione contesa tra Italia e Usa arriva da Imperia e promette roventi polemiche. Un razzo partito dall’imbarcazione di un americano ha colpito uno spettatore.

Nel silenzio della stampa italiana, ad eccezione del quotidiano torinese La Stampa, si sta sviluppando l’assurda storia di Sergio Salvagno, un agrotecnico di 49 anni, colpito da un razzo di segnalazione nel corso della rievocazione storica durante un raduno di vele d’epoca.

Il responsabile è, William Michael McInnes, un ex chimico di 71 anni, che ha lasciato l’Iowa per girare il mondo col suo yacht.

Con tutta probabilità gli verranno concessi gli arresti domiciliari, ma già qualcuno ha paventato l’intervento delle istituzioni americane che proveranno a far rimpatriare l’ex chimico, per farlo giudicare dalla giustizia statunitense. Non sarebbe il primo caso: nei quindici mesi che vanno da gennaio 2013 a marzo 2014 l’esercito americano ha chiesto al ministro della Giustizia italiano la rinuncia alla giurisdizione per 113 militari americani.

Salvagno, a causa del razzo partito dall’imbarcazione “Sin of San Francisco” dell’americano che vive in Costa Azzurra, ha subito danni gravissimi: la perdita dell’occhio sinistro e numerose fratture che gli hanno devastato il volto. Ricoverato immediatamente nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale S. Corona di Pietra Ligure, sarebbe uscito dal coma dopo aver lottato tra la vita e la morte.

Dalle ricostruzioni i protagonisti della vicenda sembrano i classici “uomini esemplari”.

Sergio Salvagno è una persona molto fedele che tutte le domeniche va a messa con la famiglia. Proprio assieme alla figlia di 11 anni stava vivendo l’interessante manifestazione velistica dalla banchina quando è successa la tragedia. L’intervento rapido di una poliziotta ha allontanato la figlia evitandole, in questo modo, l’orrenda vista del volto sfigurato del padre.

Il responsabile, dalla direzione del carcere, viene dipinto come un uomo colto e molto istruito. Per ora non ha rilasciato alcuna dichiarazione perchè, su invito del suo avvocato, ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere. Ora rischia fino a 12 anni di carcere.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Pingback: Donna incinta e stuprata dai parà Usa: ora il bimbo è gravissimo

*

Top