“Selfie” con Lampard: arrestato giovane tifoso

lampard

“Per un ‘selfie’ con Frank Lampard mi faccio anche arrestare”. Avrà pensato sicuramente questo il giovane tifoso del Manchester City, che ieri sera è stato braccato dalla polizia e portato via perché aveva deciso di invadere il campo per farsi una foto con l’ex capitano del Chelsea.

Nemmeno il tempo di godersi il fatidico momento e immortalarsi con “Franky” che gli agenti lo hanno subito immobilizzato e portato in questura, senza nemmeno dargli la possibilità di spiegare le proprie ragioni.

Nel Regno Unito non perdonano e funziona così. La polizia non ha pietà di nessuno. Abituati per anni a convivere con gli hooligans, non riesce neanche a chiudere un occhio di fronte ad una pacifica invasione di campo, in una partita di Coppa di Lega dove gli animi erano rilassati, il punteggio era di 7 a 0 per il City (contro lo Sheffield) e le due tifoserie sono anche “gemellate”. Ma le cose funzionano adesso in Inghilterra e gli scontri, almeno dentro lo stadio, sono scomparsi.

Peccato per quel ragazzo che non aveva proprio interessi bellicosi, ma  sognava soltanto di farsi la foto con il suo giocatore preferito, per poi vantarsi, magari, con gli amici. Lampard, dal canto suo, si è dimostrato subito disponible nei confronti del giovane, si è fatto il “selfie” con lui ed è rimasto perplesso del trattamento che gli è stato riservato. L’ex Chelsea, dalle parti di Manchester, sponda City, è già diventato un idolo. Probabilmente per quel gol messo a segno domenica, proprio contro la sua ex squadra. E la dimostrazione di affetto del ragazzo-invasore ne è stata l’ulteriore prova.

Chissà se Lampard gli avrà pagato la cauzione al giovane tifoso…

Articoli correlati

*

Top