Stadi: straordinari agli agenti a carico dei club

stadi

Società di calcio in rivolta sulla questione stadi. Era prevedibile visto il nuovo emendamento del Governo che obbliga i club di Serie A (e anche quelli di B e Lega Pro) a contribuire al pagamento, con una cifra variabile tra l’1 al 3 % degli incassi dei biglietti, degli straordinari delle forze dell’ordine durante le partite.

Numero delle forze dell’ordine che verrà quasi raddoppiato dopo l’approvazione del decreto Alfano per combattere la violenza negli stadi. “Le società dovranno per forza contribuire a questa spesa”, le parole del premier Renzi. Che, naturalmente, non hanno fatto piacere ai presidenti delle squadre, anche perché, come sottolinea Malagò, “come in tutte le questioni, giuste o sbagliate che siano, se hai un bilancio e solo dopo ti dicono che c’è una spesa supplementare, peraltro non ancora quantificata, non va bene”.

Ancora più pesante il commento del patron del Palermo, Zamparini che ha puntato il dito dritto contro Renzi. “ Io l’ho anche appoggiato inizialmente il presidente del Consiglio, ma ora non più perché mi sono reso contro che non sta facendo nulla per il nostro paese. Si dimentica che proprio dal mondo del calcio riceve ogni anno un miliardo di euro (di uscite annuali tra tasse e contributi n.d.r)”. E il finimondo è appena cominciato perché la situazione potrebbe peggiorare ancora quando le nuove normative dovranno essere convertite in legge entro il 21 di questo mese.

Normative, tra le altre cose, molto discutibili quelle volute da Alfano. In primis, l’allungamento del Daspo fino a 8 anni, con l’impossibilità di fare ricorso e di dimostrare un’eventuale innocenza. Inoltre, non convince l’introduzione del “Daspo di gruppo”, che punisce, ad esempio, tutti i componenti di un pullman se, anche solo uno di questi, adotta un comportamento giudicato violento. In molti (non soltanto gli ultrà) considerano il decreto Alfano “anticostituzionale”. Se poi a tutto questo minestrone, ci si aggiunge anche la decisione di dotare le forze dell’ordine del “Taser”, la pistola elettrica che può anche provocare la morte e che verrà sperimentata proprio sui tifosi allo stadio, non c’è da essere tranquilli.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Federico Rocca said:

    condivido, io ho fatto approvare una mozione mai applicata con la quale chiedevo che gli straordinari dei vigili urbani e i mezzi di ama e atac durante la partite e gli eventi venissero pagati dagli organizzatori

*

Top